Alla Madonna dei fiori celebrazioni domenicali in contemporanea per ospitare più fedeli

BRA Nel santuario della Madonna dei fiori la celebrazione domenicale delle 10.30 avviene in contemporanea nel nuovo santuario e nel salone sottostante. Questa accortezza serve ad accogliere tutti i fedeli i mono da mantenere le norme anti Covid-19 evitando gli assembramenti e ovviando ai problemi relativi al tempo che in questi ultimi giorni non è stato molto clemente per consentire celebrazioni all’aperto.

Il salone-chiesa sotto il nuovo santuario venne costruito nel 1991 dall’allora don Cesare Fava e fu inaugurato dal suo successore don Michele Giovanetto, dopo la morte improvvisa di don Fava. La sua realizzazione senza barriere architettoniche ha sempre avuto l’intento di agevolare l’accesso delle 400 persone che può ospitare in tempi normali. Ovviamente per la normativa per il contenimento della pandemia i posti sono ridotti ma il santuario, grazie a queste due strutture, può ospitare davvero tanti fedeli in assoluta sicurezza.

Lino Ferrero