Manca il tempo per aerare la sala riunioni, Commissione sul Covid rinviata a lunedì prossimo

Anticoncezionali alle minorenni, i dubbi dei cattolici sul piano piemontese
Immagine d'archivio del Consiglio regionale

TORINO Manca il tempo per aerare i locali – la regola anti-Covid che si è dato il Consiglio regionale del Piemonte prevede di farlo per mezz’ora ogni tre ore – e salta la prima riunione della Commissione di inchiesta sul Covid, il gruppo di lavoro creato all’interno della Commissione sanità di Palazzo Lascaris.

Si è parlato comunque di Covid anche nella riunione della Commissione sanità, che precedeva quella del gruppo di lavoro, e avrebbe dovuto lasciare poi almeno un’ora, più il tempo dell’aerazione, al gruppo di lavoro. Impossibile sconfinare, perché dopo una breve pausa era in programma la successiva seduta della Commissione bilancio.

Il coronavirus non è stato tralasciato, ed è anzi proprio l’informativa della Giunta Cirio su scuole, pediatri, medici e vaccini anti-influenzali ad avere provocato il protrarsi della Commissione oltre l’orario previsto. Il gruppo di lavoro voluto dall’opposizione per verificare la gestione dell’emergenza coronavirus – e presieduta da un esponente delle minoranze, il Pd Daniele Valle – si è così arenato al suo esordio proprio a causa delle norme messe in campo dal Consiglio regionale per contrastare il virus. La prima riunione è rinviata a lunedì prossimo.

Ansa

Banner Gazzetta d'Alba