Viaggia sul bus di linea con cento ovuli di cocaina nello stomaco

Frode da 3 milioni di euro ai danni degli ospedali: i dispositivi venivano sottratto per generare nuovi acquisti 3

TORINO Viaggiava su un bus di linea con un centinaio di ovuli di cocaina purissima nello stomaco: l’avventura di un “ovulatore”, come in gergo vengono chiamati i corrieri della droga che ingeriscono lo stupefacente confezionato in capsule, è finita al terminal degli autobus di corso Vittorio Emanuele II a Torino, dove i finanzieri lo hanno fermato.

Il nervosismo dell’uomo, un trentacinquenne di origini nigeriane, ha destato i sospetti delle Fiamme gialle del gruppo di pronto impiego del capoluogo, intente in un controllo antidroga a bordo dell’autobus.

Le radiografie eseguite in ospedale, dove i finanzieri lo hanno accompagnato, hanno evidenziato la presenza, nello suo stomaco, di un centinaio di ovuli di stupefacente. Il corriere della droga, partito dalla Francia, era diretto a Venezia.

Davide Gallesio

Banner Gazzetta d'Alba