Geriatri, l’isolamento aumenta il rischio mortalità

CORONAVIRUS Poter restare in contatto telefonico con i propri cari aiuta, e molto, gli anziani ricoverati in ospedale per Covid. Ancor più se si possono fare le videochiamate.

Lo dimostrano i dati di uno studio presentato in occasione del 65mo Congresso nazionale della Società italiana di Gerontologia e Geriatria (Sigg) e condotto su 60 anziani ricoverati con Covid-19, dal 29 marzo al 29 aprile, presso l’Azienda Ospedaliera Universitaria Sant’Andrea di Roma, in un reparto a medio bassa-intensità e quindi fuori dalle terapie intensive e sub-intensive.

Dall’analisi è emerso anche che il 22% degli anziani presi in esame non ha un telefono e la probabilità di restare ‘isolati’ in seguito ad un ricovero dovuto al Covid cresce con l’aumentare dell’età. La ricerca mostra pure un divario di genere: le donne anziane possiedono un cellulare nel 10% dei casi in meno rispetto ai coetanei uomini.

Il 16% di entrambi i sessi poi non riesce a utilizzare il telefono senza un aiuto, ma poter avere contatti con l’esterno ha «ripercussioni positive sul decorso della malattia che – dicono i ricercatori – andrebbero approfonditi». Gli esperti propongono perciò di mettere a disposizione dei degenti un tablet per connettersi ai parenti, aiutando chi non ce la fa da solo.
«Il rischio di mortalità degli anziani è influenzato dalla solitudine e dall’isolamento, associati a una riduzione della durata della vita simile a quella provocata dal fumare 15 sigarette al giorno e superiore a quella associata all’obesità. Questo rischio è ancora maggiore nei pazienti anziani con Covid-19 ricoverati, perché ai parenti è proibito andare a trovarli in ospedale», osserva Raffaele Antonelli Incalzi, presidente Sigg. E aggiunge: «Vietare le visite ha frenato la diffusione dell’infezione ma l’isolamento ha avuto effetti molto negativi sullo stato di salute fisico e mentale degli anziani. Oltre all’aumento dei tassi di depressione e alla riduzione della qualità di vita, si assiste anche a un incremento della produzione di molecole proinfiammatorie e all’abbassamento delle difese immunitarie antivirali. Questi meccanismi biologici innescati dalla solitudine aumentano inevitabilmente la mortalità».

I geriatri sottolineano infine che «la solitudine degli anziani ha spesso esiti drammatici sulla loro salute e la solitudine più dolorosa è stata registrata nei reparti Covid durante la prima fase dell’emergenza sanitaria».

(Ansa)