SiYu: la blogger venuta dalla Cina racconta ai connazionali il Cuneese

LA STORIA  I social network si stanno rivelando sempre più influenti nel campo della creazione e divulgazione dei contenuti culturali: è stata una di queste piattaforme, Tik Tok, da poco balzata agli onori delle cronache, a permettere a una giovane ragazza cinese, SiYu Yang, di crearsi un posto di lavoro a tutti gli effetti e a tempo pieno.

Ventinove anni, una parte dei quali dedicati al mondo della musica, con periodi di studio nei conservatori di Pechino e Torino; dal 2014, si è trasferita a Cuneo, città d’origine del marito conosciuto a Pechino. Nel capoluogo della Granda si è trovata a proprio agio sin da subito, un fatto che l’ha aiutata a comprendere il contesto economico-sociale italiano e a mettere a fuoco le differenze rispetto a quello cinese.

«Trattandosi di una realtà prevalentemente agricola, è stato soprattutto parlando con gli anziani che ho avuto modo di conoscere il Piemonte», ha spiegato la giovane blogger. Un’opera diventata, circa un anno fa, con un deciso cambio di rotta rispetto agli intenti iniziali, un progetto di divulgazione degli aspetti culinari e culturali del contesto piemontese in Cina, attraverso la piattaforma Web.

A ispirarle l’idea i due milioni di connazionali che la seguono sul social network: la sua attenzione è calamitata non tanto dalle città, quanto dalle persone che vivono nelle periferie agricole della nostra regione. Al centro del suo lavoro ci sono le loro storie e ciò che producono.

I profili più ricercati da SiYu sono, con grande sorpresa, i contadini per la loro affinità con il contesto agrario Cuneese: un punto che ha suscitato anche l’interesse dei suoi connazionali, attratti da storie e peculiarità dei prodotti. In cima alla lunga lista di specialità illustrate, il formaggio, una vera e propria novità anche per la giovane, dato che in Cina non esiste una cultura casearia e lei stessa ha ammesso di non averlo mai assaporato prima. Successo ha riscosso anche il cioccolato artigianale, tanto da venire incluso, assieme ad altri alimenti nel suo piano di realizzare un vero e proprio ponte commerciale fra la Granda e l’estremo oriente.

Un disegno che completerebbe l’aspetto della trasmissione culturale col sogno di contribuire economicamente alla sopravvivenza delle piccole attività artigianali al centro delle presentazioni sul Web. SiYu vorrebbe inserirle in un programma di export on-line, modalità di vendita che spesso affossa proprio il commercio locale.

Dennis Bellonio