Me Langa presenta Foravìa. Un territorio straordinario

ALBA Sarà inaugurata venerdì 10 giugno alle 17.30 nella galleria del palazzo Banca d’Alba in via Cavour 4, la mostra fotografica “Foravìa. Un territorio straordinario” del collettivo Me Langa, un progetto fotografico ideato nel 2017 dall’ordine dei Cavalieri delle Langhe. La finalità è quella di raccontare e promuovere i paesi più distanti da Alba, appartenenti a quella zona conosciuta come Alta Langa, compresa principalmente nel territorio dell’Unione montana Alta Langa e dei Comuni delle Valli Mongia e Cevetta, Langa cebana, Alta Valle Bormida. La mostra è organizzata in collaborazione con l’associazione Insieme di Cuneo grazie al contributo della fondazione Crc.

Me Langa presenta Foravìa. Un territorio straordinario
Il collettivo Me Langa

«La nuova mostra racconta attraverso una serie di 48 immagini, totalmente inedite, i sei paesi del territorio dell’Alta Langa che hanno aderito al progetto nel 2021: Bossolasco, Cerretto Langhe, Cortemilia, Lequio Berria, Paroldo e Sale San Giovanni», spiega Roberto Coro, responsabile del progetto. «I paesi protagonisti di questa nuova esposizione si aggiungono ai dodici precedentemente coinvolti, che sono stati rappresentati nelle mostre Me Langa e Parla pà! del 2019 e del 2020. Abbiamo scelto il titolo Foravìa perché è una parola conosciuta nel territorio, che richiama le caratteristiche di originalità, unicità e straordinarietà. L’ispirazione ci è arrivata grazie a Paolo Tibaldi e alla sua rubrica Abitare il piemontese, che trova spazio tra le pagine di Gazzetta. Il progetto si sviluppa attraverso un viaggio di ricerca tra passato e presente, per riscoprire luoghi, scorci e edifici di interesse culturale, storico e turistico congiuntamente con la popolazione locale, per ritrovare i valori e gli elementi che hanno caratterizzato queste zone nel secolo scorso e per scoprirne l’evoluzione, per capire come l’Alta Langa sta cambiando, tra tradizione e innovazione. Con la collaborazione dei suoi abitanti e delle amministrazioni locali, il nostro gruppo ha visitato e visiterà tanti meravigliosi borghi, incontrando persone che racconteranno la loro esperienza, alla scoperta di aneddoti e storie del passato, ma anche di prospettive per il futuro. In un’ottica di continuità con quanto realizzato negli anni scorsi, sugli schermi della galleria espositiva scorreranno le immagini dei dodici paesi protagonisti delle mostre precedenti, così da dare una visione completa della parte di territorio finora visitata e fotografata».

Diverse sono le  finalità del progetto. La curiosità è senza dubbio il primo stimolo che si vuole fornire al visitatore delle mostre. Le immagini invogliano ad andare a visitare di persona i luoghi ritratti. L’intento è anche quello di   fornire alle amministrazioni locali suggerimenti a favore del territorio. Inoltre si vuole far emergere, attraverso le immagini e tramite appositi pannelli informativi a supporto delle esposizioni, l’elemento emozionale e romantico dei luoghi ritratti, anche questo per stimolare i visitatori delle mostre a raggiungere di persona le località documentate, incentivando di conseguenza l’afflusso turistico.

Gli autori delle immagini della mostra sono:

  • Umberto Bona,
  • Fabrizio Borio,
  • Enrico Boschiazzo,
  • Roberto Coro,
  • Pierguido Fornaro,
  • Martina Ghisolfo,
  • Enzo Giacone,
  • Carlo Macinai,
  • Claudio Mainini,
  • Stefano Panero e
  • Mario Roattino.

Ogni anno al progetto Me Langa vengono aggiunti nuovi paesi. La mostra sarà visitabile fino al 26 giugno nelle sole giornate di sabato e domenica, con orario 9-13 e 15-19. L’ingresso è libero.

Per informazioni: melanga@cavalieridellelanghe.it ;  https://melanga.it;  https://www.facebook.com/MeLangaPhotoProject. Sito dei Cavalieri delle Langhe: https://www.cavalieridellelanghe.it/

Bruna Bonino

Banner Gazzetta d'Alba