Domenica 18 Guarene offrirà il meglio di sé a visitatori e curiosi

Domenica 18 Guarene offrirà il meglio di sé a visitatori e curiosi

GUARENE Tutto in un giorno. In omaggio alle virtù della concentrazione, per evitare “dispersioni” di pubblico, sovrapposizioni di manifestazioni, ottimizzare gli impegni dei soggetti coinvolti o semplicemente per distinguersi. La manifestazione intitolata “Guarene da vivere in un giorno” si svilupperà nell’arco di domenica 18 giugno, dalle 10, con l’apertura del mercatino tipico davanti alla chiesa dell’Annunziata, fino alle 21.15 quando andrà in scena lo spettacolo teatrale R-esistenza Donna, Una donna lunga come un treno. A idearlo e rappresentarlo, nel giardino aulico di palazzo Re Rebaudengo, ci ha pensato Giuliana Garavini.

Nel mezzo, innumerevoli momenti piacevoli per il palato come per lo spirito. Dalla possibilità di ammirare le litografie di Lionello Morone all’aperitivo con il sidro di pera Madernassa e il gorgonzola, seguito dal pranzo che promette Delizie da Guarene, alla conferenza sulla storia geologica di Guarene e della sinistra Tanaro, in sala Anfossi alle 15.30, fino ai concerti nella chiesa dell’Annunziata che avranno come protagonisti l’Orchestra da camera di Guarene (alle 16.30), l’Alba vocal ensemble, diretto da Giuseppe Olivero (alle 17.30), e poi i cantastorie Paolo e Carmelo (in piazza Roma dalle 18.30 alle 21). La cena, alle 19, avrà come piatto forte la paniscia, piatto tipico della zona risicola di Casalbeltrame, abbinata a sapori molto domestici per i roerini, come le friciule con il lardo e l’arista di maiale al forno. Durante la giornata si potranno visitare gratuitamente e accompagnati da guide sia la chiesa dell’Annunziata sia la pinacoteca.

Banner Gazzetta d'Alba