Gazzetta d'Alba – Dal 1882 il settimanale di Alba, Langhe e Roero

Posti di lavoro grazie alla Cena della solidarietà

Un bel risultato di comitati di quartiere, Comune e Centro per l’impiego

OCCUPAZIONE – In un periodo caratterizzato dalle notizie sulla crisi, anche occupazionale, si registra pure qualche buona nuova. «Grazie alla Cena della solidarietà organizzata nel settembre 2010, alcune persone hanno trovato un posto di lavoro», dice soddisfatta il sindaco Bruna Sibille. «Certo, si tratta di un piccolo numero, ma rappresenta un segnale di speranza in questo particolare momento storico».
Nel settembre 2010 il viale della Madonna dei fiori era stato trasformato in un gigantesco ristorante all’aperto per la Cena della solidarietà organizzata dai comitati di quartiere e frazione cittadini. Grazie alla grande tavolata, erano stati ricavati diecimila euro che l’Amministrazione comunale, assieme al Centro per l’impiego della Provincia di Cuneo e al consorzio socio-assistenziale Intesa hanno destinato a quattordici tirocini formativi, finalizzati all’orientamento al lavoro.  Ad accogliere i lavoratori sono state aziende private ed enti pubblici e ai partecipanti è stata garantita una borsa lavoro con un rimborso di quattrocento euro mensili.
Delle 14 persone coinvolte nel progetto 6 erano donne e 8 uomini. Due di queste dopo un po’ non hanno potuto proseguire il tirocinio per differenti motivi, mentre altre due persone, con disabilità, sono state inserite in un progetto apposito e sono state entrambe assunte (una con un contratto a tempo determinato e un’altra con la formula dell’apprendistato). Dei 10 partecipanti restanti, una persona è stata inserita direttamente al lavoro con assunzione a tempo determinato, mentre le altre 9 hanno iniziato il tirocinio. Una di queste ha abbandonato subito, mentre le altre hanno svolto la loro attività presso i Comuni di Bra e Monforte e in aziende private.
«A conclusione del progetto», aggiunge Bruna Sibille, «tra le 8 persone che hanno effettuato il tirocinio, sono 4 i disoccupati assunti con formule differenti (contratto a termine, intermittente, a progetto). Un risultato importante frutto dell’impegno dei comitati di quartiere braidesi e del Centro per l’impiego».

Diego Lanzardo