Bomba d’acqua su Cortemilia

CORTEMILIA Un’ora di pioggia battente con una quantità di acqua scesa che, di solito, si vede in sei mesi a Cortemilia. Il dato non è ufficiale ma sicuramente realistico. Troppa acqua e tutta insieme sulla capitale della nocciola che si è ritrovata con cantine e negozi allagati e fango sulle strade. Oltre all’acqua, la grandine, con chicchi grossi come nocciole, che ha danneggiato almeno il cinquanta per cento del raccolto nel versante verso Cravanzana. Anche in questo caso il dato non è ufficiale e sarà valutato meglio nei prossimi giorni.

È accaduto nel tardo pomeriggio di mercoledì 27 luglio con danni ingenti a negozi di via Cavour, corso Dante, via Scarampi e in piazza Oscar Molinari, oltre a situazioni problematiche nelle vie Garibaldi, Delle donne e presso la chiesa parrocchiale di San Michele e alla Pieve.

«La situazione sta tornando alla normalità grazie al lavoro di tutti e all’intervento dei volontari della nostra Protezione civile e di quelle dei paesi vicini, all’Aib (Antincendio boschivo) e ai Vigili del fuoco di Cortemilia, Santo Stefano Belbo e Alba», ha detto il sindaco Roberto Bodrito, intervistato giovedì mattina su Radio Vallebelbo.

Fabio Gallina