Il maresciallo Simeoni trasferito da Castagnole delle Lanze ad Amatrice

CASTAGNOLE DELLE LANZE Torna a casa dopo sette anni trascorsi nell’Astigiano: il maresciallo Francesco Simeoni, 32 anni, comandante della stazione dei Carabinieri di Castagnole delle Lanze, da lunedì 17 giugno prenderà servizio ad Amatrice, il paese in provincia di Rieti, nel Lazio, duramente colpito dal terremoto nell’agosto del 2016.

Amatrice pagò il maggior tributo di vittime umane con 235 morti sul proprio territorio e la distruzione di gran parte degli edifici pubblici e privati. Anche la locale caserma dei Carabinieri è stata abbattuta perché inagibile e, in attesa della sua ricostruzione, gli uffici sono stati collocati all’interno di container. «Un’occasione di lavoro unica e molto significativa», dice Simeoni, «in un contesto tuttora precario».

Il maresciallo Simeoni, nato e cresciuto a Rieti, prima di comandare la Stazione castagnolese dal 2015, aveva svolto il proprio lavoro per tre anni nella vicina Costigliole d’Asti, seguendo casi importanti come l’omicidio di Elena Ceste nel gennaio 2014. Nella foto, che risale al 2017, il maresciallo Francesco Simeoni è con il sindaco di Castagnole delle Lanze, Carlo Mancuso, dopo aver ricevuto un riconoscimento speciale per l’operazione Cenerentola, una bruttissima storia di maltrattamenti e lesioni a una bambina di dieci anni.

Fabio Gallina