Rsu Ferrero: Fai-Cisl la sigla più votata, ma crescono anche Uila-Uil e Flai-Cgil

ALBA Concluso lo spoglio delle elezioni delle Rsu, le rappresentanze sindacali unitarie della Ferrero. Cala leggermente l’affluenza rispetto al 2016, dal 64,6% al 63,6%, ma cresce a 5.549 il numero degli aventi diritto al voto per lo stabilimento albese, in altissima stagione lavorativa.

L’affluenza più alta nel reparto dei Waferati (Ferrero Rocher e altri), dove ha votato oltre il 75% degli aventi diritto. La più bassa negli uffici dove ha votato solo il 37% degli aventi diritto.

A imporsi in tutti gli stabilimenti di Ferrero Italia, compresa Alba è stato il sindacato Fai-Cisl con 1.406 voti, 306 in più della Uila-Uil che ha ottenuto 1.100 preferenze, chiude la Flai-Cgil con 869 preferenze.

La Fai-Cisl esprime 15 delegati e conferma un primato che dura da anni ad Alba ottenendo un numero di preferenze superiori rispetto alle 1.276 registrate nella passata tornata elettorale.

Cresce anche la Uil (12 delegati) che nel 2016 si era fermata a 970, con un buon risultato che sarà sicuramente dedicato alla memoria di Leopolda Scarcia, recentemente scomparsa, con il numero di preferenze più alto tra gli 80 candidati di tre anni fa.

In crescita anche il numero di voti ottenuti dalla Flai-Cgil che esprime 9 delegati e passa da 725 preferenze alle attuali 869.

I delegati della Fai-Cisl commentano: «Un grazie a tutti i lavoratori e lavoratrici che hanno scelto la Fai investendola di grande responsabilità in ordine alla tutela dei diritti dei lavoratori, alla difesa dei livelli occupazionali, agli investimenti futuri e ai rinnovi degli accordi che andremo a sottoscrivere».

Per conoscere i nomi di tutti gli eletti occorrerà attendere la giornata di domani, mercoledì 9 ottobre, quando i dati saranno ufficializzati. Sul prossimo numero di Gazzetta tutti i nomi dei 36 rappresentanti eletti.

Marcello Pasquero