Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

In Piemonte 5mila posti di lavoro a rischio. Cirio: “Come una calamità”

«Chiederò lo stato di emergenza occupazionale per il Piemonte, siamo pronti a istituire un tavolo politico per monitorare la crisi e, in accordo con sindaci e organizzazioni dei lavoratori, avere la forza per chiedere a Roma i fondi per superare le difficoltà». Così il governatore piemontese, Alberto Cirio, al termine dell’incontro con i rappresentanti delle aziende piemontesi in crisi. «Una crisi occupazionale così grave, con almeno 5mila posti di lavoro a rischio, va affrontata come una calamità naturale».

Ansa