L’assessore della sanità Luigi Icardi sulla graticola, già pronto il sostituto

“Pasticcio Piemonte”, il servizio di Report andato in onda lunedì 20 aprile, in prima serata, su Rai Tre ha fatto finire sulla graticola l’assessore della sanità Luigi Icardi che già non se la passava benissimo con l’esplosione della questione Rsa e le accuse di medici e sanitari in tutta la Regione. Il presidente Alberto Cirio non commenta, ma starebbe pensando a una sostituzione e la difesa d’ufficio dei giovani consiglieri leghisti De Marchi e Gagliasso più che un attestato di stima nei confronti di Icardi sembra il goffo tentativo di nascondere il pugnale dietro la schiena già in mano alle alte sfere del Carroccio. Nessuna parola in difesa dell’ex sindaco di Santo Stefano Belbo è stata spesa dal delfino di Matteo Salvini Riccardo Molinari. I parlamentari piemontesi della Lega Paolo Tiramani e il cuneese Giorgio Bergesio hanno puntato il dito contro la trasmissione d’inchiesta giornalistica condotta da Sigfrido Ranucci, ma non una parola dai due parlamentari su Icardi che sarebbe già stato indicato come vittima sacrificale per gli errori di valutazione della sanità piemontese.

Al suo posto, secondo i più informati, starebbe scaldando i motori Alessandro Stecco, attuale presidente della commissione Sanità a Palazzo Lascaris.