La <i>Cinzano</i> in festa per i “suoi” viticoltori

VERDUNO Il Gruppo Campari ha festeggiato per il tredicesimo anno consecutivo le seicento aziende agricole e i mille produttori locali che conferiscono i grappoli per la produzione degli spumanti Cinzano. Immancabile appuntamento alla “Cascata” di Verduno, la cena dei conferenti rappresenta un momento che permette a differenti realtà di celebrare i valori del territorio.

Sono molte le famiglie e le aziende agricole che “portano l’uva” alla Cinzano: dalle più piccole, come Coppa Francesco di Santa Vittoria, storico fornitore con una quantità pari a 450 kg di Asti Docg, alle più estese, come Abrigo Adriano e Franco di Trezzo Tinella, che conferiscono per ogni vendemmia almeno 200  mila kg di uve moscato.

Le uve della Cinzano provengono dalle province di Alessandria, Asti e Cuneo. Le uve moscato bianco sono la principale tipologia di cui l’azienda si rifornisce per produrre l’Asti Docg. Nel 2012 Cinzano ha pigiato 11 milioni di kg di uve destinate all’Asti Docg, che rappresentano il 95 per cento delle uve lavorate; in minima parte vengono conferite uve di Bracchetto d’Acqui Docg e Piemonte Chardonnay.

Cinzano si impegna anche nella riduzione dell’impatto ambientale e nel risparmio energetico. I centri di pigiatura di Mango e Calamandrana sono alimentati quasi unicamente da impianti fotovoltaici di filiera italiana. La produzione energetica dei due centri, pari a 500.000 Kw/anno, copre l’80 per cento del fabbisogno energetico totale. I pannelli solari, che ricoprono rispettivamente 3  mila metri quadrati a Mango e 2 mila a Calamandrana, sono posizionati sulle coperture delle celle frigorifere. Parte del Gruppo Campari dal 1999, Cinzano commercializza i suoi spumanti in tutto il mondo, principalmente in Italia, Germania e Russia.