Museo del tartufo: l’obiettivo è il via ai lavori a inizio 2018

OPERE PUBBLICHE Lo spostamento del liceo artistico Pinot Gallizio dal complesso della Maddalena nella nuova cittadella degli studi riporta all’attualità il tema del museo del tartufo a tre teste Alba, Montà e Roddi. Abbandonata l’idea di realizzare il museo nella manica che volge verso via Maestra, è stata scelta la più ampia manica su piazza Falcone, al centro di tre lotti di restauro per un totale di 244mila euro di spesa.

«L’apertura del varco sul cortile consente ora di avere un facile accesso sullo storico e scenografico scalone che permette di raggiungere il primo piano. Un ingresso molto suggestivo per il futuro museo del tartufo», spiega il sindaco Maurizio Marello che mal cela la smania di partire al più presto con i lavori: «Siamo in attesa che la Regione approvi il piano consegnato un anno fa. Faccio un appello perché la situazione si sblocchi e possa essere dato il via libera alla progettazione vera e propria. L’obiettivo è di partire con i lavori a inizio 2018».

m.p