Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

I pasti della mensa braidese piacciono anche ad Alba

Un altro riconoscimento della qualità del servizio offerto dalla mensa comunale braidese arriva questa volta dalla “cugina” Alba.

«La scuola materna privata “Elena Miroglio” deve effettuare dei lavori di ammodernamento dei propri locali e per un periodo non potrà più preparare al suo interno i pasti per i piccoli alunni», spiega il sindaco Bruna Sibille, che aggiunge con una certa soddisfazione. «Invece di farsi fornire i pasti da un’azienda esterna specializzata, hanno preferito rivolgersi al Comune di Bra perché la nostra mensa ha ormai una fama di eccellenza, per la scelta delle materie prime e per la cura che viene messa dal personale nella preparazione degli alimenti».

Un’attenzione alla qualità degli alimenti nella quale – come ha spiegato Elisa Miroglio, responsabile dell’asilo “Elena Miroglio”, nell’incontro con il primo cittadino braidese – i vertici della materna albese hanno trovato riscontro alla loro filosofia di alimentazione per i bambini. Alla “Elena Miroglio”, in un’ottica di crescita globale del bambino, si porta avanti anche l’educazione alimentare, aiutando i bambini a imparare a consumare tutti i cibi utili alla crescita e allo stare bene, compresi quelli che, come le verdure, non sono amatissimi dai più piccoli. Iniziativa che ha ottenuto ottimi risultati.

Il Comune ha dato la piena disponibilità e ora la Ripartizione socioscolastica sta studiando le modalità con cui il servizio verrà fornito.

La mensa comunale braidese, nonostante fornisca ben 1.500 pasti al giorno, privilegia l’utilizzo di prodotti agroalimentari a chilometri zero. E anche in questo caso l’obiettivo è fare in modo che la refezione scolastica sia un primo pilastro nella formazione dell’educazione alimentare dei giovani. Per questo l’Amministrazione comunale ha stilato un progetto che prevede forniture di derrate del territorio, l’utilizzo dell’acqua pubblica per dissetarsi, un’attenta analisi della filiera che porta i prodotti dalla terra alla tavola.

La struttura guidata dal capocuoco Antonio Petti, che già da diversi anni ha ottenuto la certificazione di qualità Iso 9001, un anno fa è stata completamente ammodernata. Con un impegno di spesa di circa 400 mila euro i locali annessi alla scuola elementare “Edoardo Mosca” sono stati ristrutturati e al loro interno sono stati installati attrezzature e impianti all’avanguardia.

Diego Lanzardo