Quattro piazze tematiche per la fiera di Pasqua

È un week-end infinito e pieno di piacevoli sorprese quello che ha organizzato Bra per celebrare la Pasqua e in modo particolare la storica mostra zootecnica di Pasquetta. Da sabato 23 fino a lunedì 25 aprile non ci sarà sosta per una festa da sempre sentita che ormai abbraccia ogni gusto. Tra arte, tavola, turismo, tradizioni e novità, la città della Zizzola vivrà giorni intensi e soprattutto si dividerà in quattro piazze monotematiche: una sarà dedicata all’artigianato (al Movicentro di piazza Caduti a Nassirya), un’altra all’agricoltura e alle delizie della buona tavola (piazza Giolitti), una terza al divertimento (piazza Spreitenbach col luna- park) e l’ultima all’arte (piazza Caduti per la libertà con palazzo Mathis). Protagonisti assoluti saranno la carne da vitelli di razza Piemontese, la tipica salsiccia di Bra, le coltivazioni dei rinomati orti, l’intera filiera dell’allevamento e dell’artigianato artistico, con diversi momenti che non mancheranno di ricordare anche l’importante ricorrenza del 150° anniversario dall’unità nazionale.

L’antipasto verrà servito dai ristoranti braidesi con cene speciali a base di carne di razza Piemontese. Si inizia lunedì 18 all’osteria La bocca buona di via Audisio, poi giovedì 21 all’osteria Boccondivino e venerdì 22 con tre ristoranti a misurarsi: La trattoria di Francesco, l’osteria Del Chiosco e il ristorante Battaglino. I momenti clou, come sempre, si vivranno attorno all’ex foro boario di piazza Giolitti. Non soltanto ospitando la 137ª edizione della mostra di pasquetta il 25 aprile (festa doppia, considerando quella per la Liberazione) con la sfilata dei bovini, i premi e la merenda sinoira a colpi del panino “Mac’d Bra” e bollito misto.

Intanto sabato 23 (alle ore 20) il Palatenda ospiterà A tavola con gusto: una cena a tema con al centro le verdure crude prodotte in loco e bagn’ntl oli, ovvero servite in pinzimonio. E poi domenica 24, giorno di Pasqua, protagonista in piazza Gioliti sarà la salsiccia di Bra, con una mostra-mercato che coinvolge anche altri prodotti tipici in arrivo dalle diverse regioni del Bel Paese e tutti i consorzi di valorizzazione dei prodotti locali.

Il giorno di Pasqua sarà caratterizzato dalla tradizionale processione che partirà dalla chiesa dei Battuti bianchi di corso Cottolengo, nel corso della quale verrà portato per le vie della città il prezioso gruppo di statue in legno policromo settecentesco attribuito a Stefano Maria Clemente. A pasquetta, invece, fiera commerciale in piazza XX settembre e piazza Carlo Alberto, con un interessante mercatino dell’antiquariato. Sempre lunedì 25, oltre alla Fiera di pasquetta, l’Associazione provinciale allevatori di Cuneo proporrà il convegno dal titolo La razza Piemontese: il punto della situazione e prospettive, mentre la Coldiretti organizza uno spazio per far comprendere la vita di fattoria. E dalle 14.30 una mandria di vacche transiterà anche per il centro cittadino, simulando la migrazione stagionale della transumanza. Questo, compiendo un percorso ad anello che parte e si chiude in corso Monviso, con direzione viale Rimembranze, via Trento e Trieste, piazza Giolitti.

Gianluca Oddenino