Maria Montessori: l’italiana che diede vita alla pedagogia moderna

LIBRO La biografia scritta da Valeria Rossini, professoressa di pedagogia presso l’Università di Bari, permette di conoscere la personalità e le scoperte in campo pedagogico di Maria Montessori a partire dalla sua infanzia. Fu una bambina molto amata e seguita dai genitori; nel suo percorso formativo dovette fare i conti con i pregiudizi che all’epoca ostacolavano la vita e la carriera delle donne. Tra questi, l’idea che fosse sconveniente per una ragazza studiare medicina, anche in ragione della necessità di vedere e toccare corpi nudi nell’aula di anatomia. La sua determinazione e il profondo interesse per il mondo medico la portarono fino a esercitare nella clinica neuropsichiatrica dell’Università di Roma.

MARIA MONTESSORI. UNA VITA PER L’INFANZIA
Valeria Rossini,
Edizioni San Paolo,
256 pagine,
22 euro

In quel contesto, venne a contatto con figure di spicco e iniziò un percorso professionale che la introdusse allo studio dei cosiddetti anormali, ossia fanciulli con disabilità neuropsichiche per i quali Montessori desiderava migliori condizioni di vita e maggiori opportunità di assistenza ed educazione. La determinazione, il coraggio e l’anticonformismo sostennero i suoi progetti anche nei momenti più difficili.

Il suo metodo educativo prese forma con la costruzione di un nuovo modello di scuola, chiamato Casa dei bambini, che vide la luce nel 1907 nel popolare quartiere romano di San Lorenzo, per poi diffondersi in tutto il mondo. In queste scuole, così chiamate per sottolineare la loro funzione di ponte tra contesto familiare e contesto sociale, fu possibile sperimentare i progressi intellettuali, morali e sociali dei bambini, che potevano disporre di un ambiente a misura dei loro bisogni educativi.

Partendo dall’educazione, Montessori dimostrò che è possibile trasformare le condizioni sociali di vita dell’infanzia disagiata e perseguire il benessere dei popoli e l’armonia tra le nazioni. Per questo, la sua pedagogia può essere considerata fondamentale non soltanto nel campo della formazione scolastica, ma anche nel più vasto terreno dell’educazione sociale e ambientale.

Il libro di Valeria Rossini permette di comprendere come Maria Montessori, grazie alla sua tenacia, fondò una pedagogia che ha saputo coniugare la cura per i bambini con disabilità con nuove metodologie didattiche inclusive, riformando la cultura dell’infanzia e il mondo della scuola attraverso un pensiero in grado di raccogliere allo stesso tempo le sfide del progresso scientifico e le urgenze delle questioni sociali.

Walter Colombo