Jakova e Giacone concludono l’Inferno Alp di Prato Nevoso, prova valida per il campionato italiano di Ocr

Nella classifica generale, il lamorrese e il rodellese arrivano 58esimo e 73esimo su 211 atleti giunti al traguardo

Jakova e Giacone concludono l'Inferno Alp di Prato Nevoso, prova valida per il campionato italiano di Ocr

OCR Ieri, domenica 20 giugno, si è svolta a Prato Nevoso l’Inferno Alp, seconda tappa del campionato italiano e interregionale di Ocr (Obstacle course race). Lo sport unisce alla corsa il superamento di ostacoli naturali e artificiali, prove di forza e di resistenza. La gara di Prato Nevoso prevedeva un percorso di più di 11 chilometri con 700 metri di dislivello.

All’Inferno Alp hanno gareggiato i più competitivi rappresentanti italiani della disciplina: al via si sono presentati 312 uomini e cento donne. A terminare la gara sono stati 211 atleti e 34 atlete. Tra loro anche il lamorrese Xhevdet Jakova e il rodellese Massimo Giacone, che la scorsa settimana ha ottenuto un primo posto in Toscana nella categoria dai 30 ai 34 anni. Per Jakova un 58esimo posto assoluto e 13esimo nella categoria dai 25 ai 29 anni (un’ora, 33 minuti e 33 secondi), mentre Giacone è giunto 73esimo (18esimo nella sua categoria, un’ora, 37 minuti e venti secondi).

Altri atleti delle Langhe e del Roero che hanno partecipato, pur non concludendo la gara, sono Daniele Bronzetti di Santa Vittoria d’Alba, Silvano Prandi di Alba e Ramona Troìa di Gorzegno.

d.ba.

Banner Gazzetta d'Alba