Bastian contrari

Prima lezione postpandemica: più spesa sanitaria e meno spesa per gli armamenti. Basta con la retorica della non contrapposizione fra il diritto alla difesa e quello alla salute. Dovremmo aver capito sulla nostra pelle che è più importante avere a disposizione un respiratore e una rianimazione che funzionano, piuttosto che un caccia bombardiere F35 capace di colpire a centinaia di chilometri di distanza. Non è più solo una logica da pacifista, troppo spesso vox clamantis in deserto, è un discorso di ragionevoli e assolute priorità. Attendiamo in tal senso da anni, da troppi anni, un segnale di ravvedimento operoso dalla politica romana. Con una Costituzione che all’articolo 11 ripudia la guerra e all’articolo 32 sancisce il diritto universale alle cure. Ma si sa: la nostra è la Carta più bella del mondo, facile da predicare quanto impegnativa da praticare. Beati gli operatori di pace.

CONSIGLIO REGIONALE

In Edicola

Le inchieste di Gazzetta

Le inchieste di Gazzetta
Annunci Economici

Settimanali cattolici Fisc

Guarda lo spot

Anche le Messe sono riprese dal 18 maggio. Nel frattempo il mio parroco ha collezionato più presenze televisive (in streaming) dei virologi divi Tv del coronavirus

Leggi tutti i Dito nell'occhio

L’editoriale di don Sciortino

Seguici su Facebook

VIDEO

Langhe & Roero

Cultura

Sport